Ormai ne abbiamo fatto un’ossessione, stiamo parlando della stagionalità. Scegliere esclusivamente ingredienti di stagione al giorno d’oggi è una prova di coraggio. Coraggio nel difendere il naturale corso della natura, coraggio di farvi stare bene e coraggio di sperimentare nuovi sapori. Creiamo un legame di questi con il territorio da cui vengono per essere trasformati in menù, in gusto o nella scelta di un condimento.

Raggiungere una totale sintonia con gli agricoltori è un impegno quotidiano che alimentiamo giorno dopo giorno visitandoli, parlandoci e scambiando consigli. Quando portiamo in tavola un piatto sappiamo esattamente come è composto e perché. Creare un menù stagionale unendo ingredienti semplici e prestabiliti a volte è molto più difficile perché limita la scelta ma il risultato è impagabile. Offrire delle fragole a dicembre sarebbe più semplice ma che tipo di messaggio daremmo? Quello che vorremmo riuscire a fare è introdurre il cliente ad un percorso di gusto e responsabilità.

Realizzare un piatto davvero a chilometro zero implica informazione, studio e fantasia. La scelta dei prodotti è scandita dal calendario, dal meteo, dal fornitore e dal chilometraggio. Una cucina etica e sostenibile è possibile. Più un cliente ne apprezza e ne comprende l’importanza più sarà interessato a riprodurre nella propria quotidianità questo splendido concetto. Educare è una grande responsabilità: significa cercare di cambiare i comportamenti e le abitudini delle altre persone a favore di un miglioramento.

Se sei un appassionato del tema o semplicemente curioso di saperne di più parlane con noi. Saremo entusiasti di condividere le nostre conoscenze, nel frattempo gustati il nuovo menù invernale.